Non è facile essere in forma o con un corpo mozzafiato al giorno d’oggi.

È proprio cosi!

E’ dimostrato che chi è stressato ingrassa e ha più ritenzione idrica rispetto a chi non lo è.

Io ero erroneamente convinta che lo stress ti consumava ma di fronte all’evidenza mi sono dovuta ricredere.

Ma perché succede questo? Quali meccanismi si innescano?

Quando ci agitiamo o siamo sottoposti a uno stress come un viaggio, un esame, una scadenza o una lite il nostro ipotalamo si attiva e produce CRH il quale fa produrre all’ipofisi ACTH che a sua volta dice al surrene di produrre CORTISOLO che il nostro corpo utilizza per superare questa fortissima situazione di stress.

A questo punto si innesca una serie di reazioni a catena di supporto:

  • il fegato mette in circolo glucosio e alza la glicemia,
  • vengono smontate le proteine muscolari per fare gluconeogenesi e alzare al glicemia;
  • vengono messi in circolo trigliceridi per aumentare l’energia disponibile;
  • viene azzerata l’attività del sistema immunitario(per non sprecare risorse)
  • vengono bloccati i processi digestivi (sempre per non sprecare sangue)
  • vengono aumentate la frequenza cardiaca e la pressione( massima efficienza)
  • viene favorita la ritenzione idrica( in previsione di ferite)
  • vengono dilatati i polmoni per favorire il passaggio di ossigeno.

In pratica il nostro corpo si prepara ad affrontare una vera e propria guerra o una fuga velocissima per  salvarsi dal grosso pericolo che ha causato il nostro stress.

Bello!

Ma c’è un problema:

Al giorno d’oggi le guerre e le fughe che dobbiamo affrontare quotidianamente solo mentali, non fisiche, in quanto di solito ci crea forte stress il capoufficio, la suocera, le tasse,  ecc.

Qui nasce l’inghippo…

Il nostro corpo si ritrova un grosso accumulo di grassi e zuccheri che ha reperito per superare il problema tramite uno sforzo fisico non indifferente, però, in realtà,  non ha consumato tutta questa energia, in quanto il problema è stato superato non tramite un’azione fisica ma tramite una riflessione,  quindi andrà a ridepositare sull’addome tutto ciò che è rimasto inutilizzato (il grasso addominale, infatti, è tipico di chi è sottoposto ad alti livelli di stress).

In più quando la scarica di cortisolo si esaurisce il corpo si comporta come se vi fosse stato realmente il consumo energetico della lotta o della fuga e cerca in tutti i modi di ripristinare le scorte con quella che molti chiamano “fame nervosa” che è invece un naturale correlato biologico della reazione da stress.

Se ci fosse realmente stato un consumo di energie per difenderci o per sfuggire a una situazione pericolosa noi mangiando riacquisteremo le energie perse e tutto sarebbe perfetto. Invece, essendo il nostro stress di origine psicologica e non avendo fatto alcuno sforzo fisico per salvarmi da questo, ma solo mentale il mio forte appetito andrà ancor più ad accrescere il mio accumulo di grasso.

Ecco perché chi vive situazioni di forte stress non riesce a dimagrire anzi molto spesso continua incessantemente ad ingrassare.

Ti è mai capitato di vivere una situazione come questa?

Vuoi avere maggiori informazioni a riguardo?

Chiamami allo 0575736748 e fissa una diagnosi con me, ci confronteremo sulla tua problematica.

A presto!

Simona Minelli, ideatrice del Metodo PanciaSnella.

Vuoi ricevere le prossime novità e offerte in anteprima?

Registrati alla Newsletter e riceverai subito gratis “I PRIMI SETTE PASSI PER DIRE ADDIO A GRASSO E CELLULITE” e un buono da € 60 per primo trattamento “Detox Total Body” che comprende trattamento + diagnosi + materiali bonus (valore di listino €130).